Allenamento

Vediamo ormai in ogni dove i più svariati metodi di allenamento più o meno efficaci, per raggiungere determinati obiettivi o semplicemente per restare in forma, ma sappiamo come deve essere strutturato un buon allenamento per essere efficace?

“L’allenamento è una pratica sapientemente organizzata e finalizzata a creare un adeguato stress che sia in grado di portare nel tempo degli adattamenti fisiologici del nostro organismo verso determinate qualità fisiche e abilità motorie prefissate, tramite il processo della supercompensazione che avviene durante un corretto recupero post allenamento”

In sostanza:

Poniti un obbiettivo

Organizza un buon allenamento nel tempo

Allenati con metodo

Porta il tuo corpo ad avere un giusto stress allenante

Recupera il giusto

 

Naturalmente non c’è un tipo di allenamento o una scheda allenante che può, a parità di obbiettivo, andare bene per tutti, per essere veramente efficace va strutturato in base alla tua persona, che avrà determinate caratteristiche fisiche, un personale grado di stato di forma iniziale e tante altre varianti, che fanno si che il mio allenamento debba essere cucito su misura.

 

Ma come faccio a organizzarmi un buon allenamento in modo che abbia un adeguato

stress allenante?

Ci sono 4 parametri fondamentali;

  1. VOLUME, quantità di lavoro nella singola seduta di allenamento che può variare la durata di esso e da quanti stimoli do al mio corpo ( quanti esercizi, serie, ripetizioni etc.)

  2. INTENSITA’, Qualità del lavoro nella singola seduta allenante identificata dal carico interno di lavoro

  3. DENSITA’, resa della singola sessione allenante data dalla media tra INTENSITA’ e VOLUME rapportata ai tempi di recupero

  4. FREQUENZA , numero di sessioni allenanti necessarie a completare un ciclo di allenamento per un determinato target

 

I primi 3 parametri sono da considerarsi sempre per ogni singola seduta allenante, mentre la FREQUENZA è da considerarsi all’interno di un ciclo di allenamento per portare la persona al raggiungimento dell’obbiettivo,

 

VOLUME e INTENSITA’ sono strettamente legati in modo inversamente proporzionale, cioè vanno regolati in modo che all’aumentare di uno diminuisca l’altro, questo perchè se cercherò di aumentarli insieme ho un alto rischio di incorrere in infortuni o nel lungo periodo nel sovrallenamento.

Modulare in modo corretto questi 2 parametri determinerà la DENSITA’ e quindi la resa dell’allenamento.

Per quanto riguarda la Frequenza, dev’essere proporzionata al livello della persona e dev’essere tale da dare continuità allo stress allenante in modo da creare un condizionamento fisico nel tempo.

 

Come vedi non è poi una cosa scontata sapersi o saper allenare nel modo corretto, e non basta spingere o tirare dei sovraccarichi o muovere il mio corpo per dargli i giusti stimoli per un miglioramento. Va strutturato, calibrato su di te, modificato nei giusti tempi in modo sapiente e assolutamente non casuale o con schede prestampate uguali per tutti.

Leave a Comment